ON MY WAY TO HO CHI MINH

Sono partita da Hanoi per arrivare a Ho Chi Minh, un mese di tempo per attraversare il Vietnam a bordo di autobus, treni, moto, aerei, barche e biciclette. Non avevo un vero programma, sapevo che sarei arrivata a Nord e ripartita da Sud e quello che avrei trovato in mezzo l’avrei scoperto giorno per giorno. E’ stato un viaggio indimenticabile, costellato di incontri indelebili, tanti silenzi e centinaia di chilometri.

Per tutto il tempo non ho potuto impedirmi di guardare i paesaggi, i villaggi, la gente cercando di visualizzare quello che era potuto accadere proprio lì durante la guerra, solo quarant’anni fa, finalmente ero immersa nei luoghi descritti nei film e nei libri che hanno contribuito a costruire una mia coscienza sulla storia di un Paese devastato dai conflitti e dal dolore.

I Vietnamiti oggi sembrano sereni, progrediscono e guardano al futuro e mentre passeggio nelle città e nelle campagne ho l’impressione che si siano buttati alle spalle il buio e l’orrore.

 

 

 

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.